Capelli elettrici: cause e rimedi

Capelli elettrici

L’energia elettrostatica che rende i capelli indomabili e indisciplinati è uno dei peggiori crucci estetici che affligge l’universo femminile. All’origine di questo fenomeno elettrostatico vi sono una serie di fattori fisici e non. Le condizioni atmosferiche, l’uso di sciarpe e maglioni acrilici, la disidratazione e la mancanza di umidità possono scatenare lo sviluppo di energia elettrostatica che crea un effetto elettrico sulla chioma. Fortunatamente è possibile contrastare questa problematica grazie a degli accorgimenti e delle misure preventive. Nelle righe che seguono troverete un focus che vi fornirà le migliori soluzioni per contrastare i capelli carichi di elettricità.

Perché i capelli diventano elettrici?

I capelli elettrici sono causati da svariati fattori che non riguardano soltanto l’uso di pettini e spazzole adeguate. Gran parte delle cause possono essere strettamente correlate a:

Strofinamento con lana o tessuti sintetici: le sciarpe e i maglioni costituiti per lo più da tessuti acrilici favoriscono l’effetto elettrico dei capelli. Per evitare ciò, occorre prediligere capi d’abbigliamento in cotone e tessuti naturali.

Alterazioni del film idrolipidico: tra le principali cause che scatenano lo sviluppo di fenomeni elettrostatici nei capelli annoveriamo l’alterazione del fusto del capello. Quando il film idrolipidico subisce delle alterazioni, la cuticola si solleva e la corteccia si carica negativamente.

Capelli eccessivamente secchi e disidratati: la perdita di idratazione dei capelli può favorire l’insorgenza di fenomeni elettrostatici. Per tale ragione è importante utilizzare sempre un balsamo o una maschera rivitalizzante post shampoo che possa ripristinare l’equilibrio idrolipidico dei capelli.

Capelli elettrici: rimedi e soluzioni

Per ridimensionare questo fenomeno elettrostatico è possibile agire in maniera intelligente e apportare una serie di cambiamenti al nostro stile di vita. Tra questi annoveriamo:

Utilizzare regolarmente il balsamo: la funzione del balsamo è quella di contrastare l’elettrostaticità, ammorbidire, nutrire e riparare la superficie del capello. Il balsamo, infatti, è realizzato con sostanze caricate positivamente che annullano l’effetto crespo ed elettrico.

Utilizzare uno shampoo non aggressivo: la scelta dei giusti prodotti hair care è di vitale importanza. Onde evitare di ritrovarsi con i capelli indomabili e ribelli, è bene utilizzare uno shampoo idratante e nutriente, come ad esempio l’olio shampoo delicato.

Applicare un siero riparatore o una maschera ristrutturante: per i capelli secchi che si aggrovigliano e si spezzano l’unica soluzione ad hoc è rappresentata dall’utilizzo di cosmetici mirati. Un siero riparatore o un olio nutriente, quale l’olio di Argan, può fare la differenza e domare i capelli elettrici.

Evitare i pettini e le spazzole di plastica: tra le principali cause che scatenano lo sviluppo di fenomeni elettrostatici nei capelli annoveriamo l’uso dei pettini in plastica. Onde evitare che la chioma diventi tesa e ingestibile, è bene prediligere pettini in legno o spazzole realizzate con setole di fibre naturali.

Stop a phon e piastra: evitate di asciugare i capelli con temperature eccessivamente alte e valutate l’acquisto di un phon a ioni, che li idrata, li protegge e li rende luminosi. Ricordate di limitare, per quanto possa essere possibile, l’utilizzo della piastra. Per contrastare l’effetto elettrico potete applicare un termoprotettore.

 

(Fonte immagine: Unsplash)
CONDIVIDI