Cura dei capelli con aglio: istruzioni per l’uso

0

L’aglio è un ingrediente largamente impiegato in cucina ma le sue proprietà spesso sono sottovalutate. Nell’articolo che segue vi spiegheremo tutte le potenzialità di questa pianta in campo cosmetico e per la cura dei nostri capelli.

L’aglio ha due funzioni principali per i capelli:

  1. Li rende belli
  2. Li rende forti.

Vediamo insieme quale azione svolge e perché è così importante.

L’inositolo e la Vitamina B7

L’inositolo è il nome tecnico della Vitamina B7. Tra le differenti funzioni della Vitamina B7 si trova anche quella della crescita dei capelli e l’aglio contiene una sostanza definita come acido Fitinico.

Questa sostanza si lega in parte alle sostanze minerali consentendo l’utilizzo dei minerali e oligo elementi che la riguardano e permettendo una trasformazione in inositolo.

Occorre però comprendere quanto aglio sia utile sia ai capelli che all’intero organismo per raggiungere un equilibrio totale.

I numeri dell’Aglio

aglioLa domanda è quindi sollevata, quanto aglio occorre? Molto dipende dal fine per il quale lo si assume, come detto a noi interessa conoscere il dosaggio per la cura dei capelli ma anche in questo caso “l’assunzione” per così dire varia sensibilmente.

Prima ancora dei “numeri dell’aglio” e quindi del dosaggio occorre ricordare che è assolutamente indispensabile la costanza nell’assunzione stessa, a fini tonificanti (quindi anche per i capelli e la loro struttura) bastano 2-3 spicchi di aglio al giorno.

Per altri impieghi al di fuori dell’aspetto estetico, i dosaggi aumentano. Ad esempio per regolazione intestinale occorrono almeno dai 5 ai 10 spicchi al giorno ma occorre sempre tenere presente che non è bene eccedere nei dosaggi in unica somministrazione, infatti l’aglio può irritare lo stomaco.

Realizzare una tintura madre all’aglio per trattare i capelli

L’aglio può essere impiegato anche in tintura madre. E’ molto semplice preparare a casa nostra un ottima tintura madre di aglio per i nostri capelli. Vediamo, insieme come prepararla.

Ingredienti:

  • 400 g di aglio fresco
  • 250 g di alcol

All’alcool in generale, eventualmente, possiamo sostituire la grappa. Procediamo ora a illustrare, passo dopo passo, la preparazione della tintura d’aglio.

1° Passaggio: spremiamo l’aglio con strumenti non metallici

2° Passaggio: mettiamo assieme aglio e alcol in un contenitore

3° Passaggio: chiudiamo il contenitore  per bbene e lasciamolo riposare per 2 settimane

4° Passaggio: occorre a questo punto filtrare e lasciare riposare per un’altra settimana

Cos’è una tintura

Occorre comprendere cosa viene definito con il termine di tintura. Le tinture vengono ottenute da materie prime definite in gergo come droghe. Sulla base del solvente impiegato per la loro realizzazione, le tinture possono essere di tipo:

  • acquoso
  • alcolico
  • etereo
  • vinoso

Vi è da ricordare però che la maggioranza delle tinture madre sono a base di alcol come quella della tintura di aglio che abbiamo appena illustrato.

Non a caso la Farmacopea Internazionale stabilisce che qualora non venissero aggiunte ulteriori informazioni su un contenitore di tintura, ciò sta ad indicare che questa è a base d’alcol.

Sulla base delle droghe in essa contenute, le tinture possono considerarsi di due tipologie:

  • semplici
  • composte

La tintura all’aglio che habbiamo illustrato nel nostro post è, ovviamente, iscrivibile nelle tinture semplici.

Successivamente alla macerazione e alla percolazione, le droghe possono essere mischiate con i solventi in differenti rapporti: 1:10 per le droghe eroiche e 1:5 per le droghe comuni, quindi ora conoscete anche il dosaggio dell’alcol per la tintura di aglio consigliata, che è quello di 1:5.

Quante di voi hanno provato gli effetti benefiche dell’aglio sui capelli? Lasciateci, se vi va, nei commenti le vostre esperienze.

Fonte immagini:criloreto.it; sevilla.abc.es

 

PANORAMICA RECENSIONE
Cura dei capelli con aglio: istruzioni per l'uso
CONDIVIDI