Lampada UV unghie: consigli per scegliere la migliore

0
lampada uv

Per una manicure perfetta occorre anche saper scegliere gli strumenti migliori. Oggi poterlo fare, con l’offerta sul mercato sempre più ricca, sembra essere complesso, forse anche più che nel passato.

Creme, smalti, lampade UV e altri strumenti per prendersi cura delle proprie unghie sono molti. Qualche consiglio a seguire per effettuare la migliore scelta possibile.

Cos’è una lampada UV

La lampada UV (Ultra Violet), conosciuta anche con il nome più comune di “fornetto”, è una lampada a raggi ultra violetti utilizzata prevalentemente per le unghie. Al suo interno si trovano dei bulbi di neon di diversa potenza che svolgono l’azione di indurire in breve tempo gel o altri prodotti dedicati alla nail art.

Un esempio molto utilizzato è la Lampada Unghie Professionale Abody che ha una potenza di 24W/48W dotata di Led UV Unghie Automatico con Sensore e Timer e adatta a tutti i tipi di Gel.

Utilità ed Impiego della Lampada UV

Le lampade UV vengono utilizzate soprattutto per le ricostruzioni unghie in gel o per la manicure con smalto semipermanente. Scopo della lampada UV è molteplice:
– Indurire il gel o lo smalto
– Polimerizzare i gel impiegati per ricostruire le unghie

Utilizzare la lampada UV è davvero semplice. Sulla confezione generalmente viene riportato il tempo necessario alla polimerizzazione, una volta visualizzata la durata occorre inserire la mano nel fornetto e lasciarla per il tempo indicato. Occorre proteggersi dai raggi UV indossando dei guanti specifici che lasciano scoperte unicamente le unghie preventivamente protette a loro volta dal GEL.

Quale fornetto per le unghie?

Arrivati fin qui ci viene da chiedere: ma quale fornetto scegliere per le unghie? In linea generale vanno considerate alcune caratteristiche necessarie per considerare un fornetto unghie valido. Occorre, però, ricordare di sostituire i bulbi quando è il momento.

Le lampade UV professionali contengono tre o quattro bulbi che hanno una potenza di almeno 36 Watt. I Watt permettono l’indurimento del prodotto in maniera contemporanea su tutte le dita della mano.

Una lampada UV che abbia la possibilità di programmare il timer da 120 secondi è quella che consente di non dover cronometrare il tempo. In commercio ve ne sono diverse, un esempio è la Lampada Unghie UV LED da 48Watt dedicata sia alla manicure che alla pedicure e dotata di LED per Smalti in Gel, questa è una lampada di tipo Professionale ed ha a disposizione 4 Timer Preimpostati da: 10s, 30s, 60s e 90s.

Se siete principianti nell’impiego di questo strumento, consigliamo di ricorrere a dei kit per principianti.

Starter Set ad esempio, lo dice il nome stesso, è un apparecchiatura valida per coloro che si trovano alle prime armi si tratta di una lampada con 4 bulbi da 9 Watt, non è certamente un set professionale ma va bene per iniziare a comprendere come realizzare i primi esperimenti di nail art andrà benissimo.

Una volta presa confidenza con i primi rudimentali esperimenti, potete passare ad un fornetto più serio, il consiglio è l’Elyseer Lampada UV di tipo professionale con 4 bulbi a 36Watt comprensiva di Timer da 120 secondi e una funzione continua, il Timer ha 3 impostazioni.

L’utilità del fornetto per le unghie è presto svelata: consente di indurire il Gel e aiuta nel processo di cura delle unghie e per realizzare delle nail art anche professionali a casa propria. Una volta accumulata esperienza potete fare tutto da voi e una Lampada UV è assolutamente necessaria.

Fonte immagine: laragazzadaicapellirossi.com

PANORAMICA RECENSIONE
Lampada UV unghie: consigli per scegliere la migliore
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO