Pedicure curativa fai da te

Pedicure curativa fai da te

La pedicure curativa è un trattamento completo che coniuga estetica professionale e salute dei piedi. Consiste in un trattamento intensivo che interviene su problematiche lievi (calli, duroni, unghie incarnite, ispessimenti della pelle e ragadi al tallone) mediante l’uso di strumenti professionali (tagliacalli, raspe e lime). Data la complessità del trattamento, un numero sempre più elevato di persone si rivolge a centri estetici professionali per usufruire della competenza di un personale altamente qualificato. Tuttavia se desiderate cimentarvi nella pedicure curativa fai da te ma non avete idea da dove iniziare, in questo articolo vi forniremo una guida pratica che vi aiuterà step by step.

Come effettuare la pedicure curativa fai da te

• Il primo step da portare a termine è lo scrub ai piedi. Si tratta di un trattamento abrasivo superficiale che rimuove le impurità e lo strato più superficiale della pelle. Potete realizzarlo creando una miscela di sale grosso, miele, limone e olio di oliva. Il potere abrasivo del sale grosso eliminerà in profondità le cellule morte, le proprietà emollienti dell’olio di oliva idrateranno i piedi rendendoli vellutati, il miele darà consistenza al composto e il limone svolgerà un’azione antisettica e antimicrobica.

• Terminato lo scrub, potete dedicarvi alla cura delle unghie. Non esagerate con l’uso di forbicine e lime: effettuate dei tagli dritti e orizzontali che possano agevolare la ricrescita dell’unghia. Evitate di far affondare i lati esterni dell’unghia negli angoli più profondi delle dita. Lo strumento più indicato per questa operazione è il tronchesino, che esegue un taglio netto e non rovina le unghie.

• Il terzo step riguarda l’eliminazione di calli e ispessimenti cutanei. Lo strumento più indicato è la pietra pomice: una pietra di origine vulcanica e minerale, composta da micro rocce eruttive porose. Ha un potere altamente esfoliante ed è l’alleata numero uno dei piedi. Con la sua robustezza e abrasività, la pietra pomice aiuta a levigare i talloni, rimuovere i calli e induce alla rimozione meccanica delle cellule morte.

• Per risolvere problematiche più serie quali le unghie incarnite, è sempre opportuno rivolgersi ad un podologo. Tuttavia, se il disturbo è allo stato iniziale, potete provare ad intervenire autonomamente con alcuni rimedi fai da te efficaci e mirati. Effettuate un pediluvio tiepido 2 o 3 volte al giorno, per ammorbidire l’unghia e tenere il piede igienizzato. Con l’ausilio di un batuffolo di cotone o un cono di garza, spingete delicatamente la pelle lontano dall’unghia incarnita e versate qualche goccia di acqua ossigenata. Durante la giornata tenete il piede asciutto e cambiate regolarmente le calze.

• Dopo esservi dedicati al benessere e alla salute dei vostri piedi, potete prestare attenzione all’aspetto estetico. Se avete delle unghie che tendono a sfaldarsi, applicate un velo di smalto trasparente dalle proprietà indurenti o rinforzanti. Diversamente potete optare per uno smalto dalle note cromatiche che più si addicono ai vostri gusti.

Pedicure curativa fai da te: consigli e raccomandazioni

La frequenza con la quale effettuare la pedicure curativa dipende dalle caratteristiche della pelle e delle unghie dei propri piedi. In ogni caso, per mantenere nel tempo i risultati ottenuti, è bene ripetere il trattamento almeno una volta al mese e non solo nella stagione estiva.

 

(Fonte immagine: Unsplash)
CONDIVIDI