Come rassodare i contorni del viso

Come rassodare contorni viso

I contorni del viso svolgono un ruolo cruciale nell’armonia e proporzione del volto. Quando la linea mandibolare inizia a perdere tonicità, l’ovale del viso appare visibilmente invecchiato: la forza di gravità causa uno scivolamento dei tessuti verso il basso e questi cedimenti si riflettono sull’intera espressione facciale. La lassità cutanea, che inizia già a partire dai 35 anni, diviene via via sempre più accentuata e col passare del tempo la linea mandibolare appare sempre più cadente. Il motivo? I muscoli del viso si indeboliscono e i volumi perdono tono. Come si può, dunque, contrastare questo fenomeno in maniera naturale e/o con eventuali trattamenti estetici professionali? Proseguendo con la lettura di questo articolo vi illustreremo i migliori metodi per ridefinire e dare pienezza all’ovale del viso.

I rimedi naturali per rassodare i contorni del viso

Direttamente dal Brasile giungono due alleati naturali efficaci per rimodellare l’ovale del viso e prevenire il cedimento dei tessuti. Ma di cosa si tratta esattamente? Stiamo parlando di due frutti amazzonici ben noti: il maracuja (passion fruit) e la noce brasiliana. Questi due frutti esotici apportano benefici non indifferenti alla tonicità e compattezza della pelle del viso. L’olio di maracuja, nella fattispecie, agisce sulle cellule del derma e stimola la fisiologica produzione di collagene ed elastina. L’olio di noci brasiliane, invece, è ricco di selenio, vitamina E e proteine vegetali: tre micronutrienti essenziali che incrementano le riserve lipidiche della cute e restituiscono pienezza all’ovale del viso. Le proprietà benefiche dell’olio di noci brasiliane, unite a quelle del passion fruit (maracuja), creano una sinergia contro il rilassamento cutaneo e contribuiscono a ripristinare l’armonia, la proporzione e l’equilibrio dei lineamenti.

I trattamenti estetici per rassodare i contorni del viso

Per ridefinire e conferire turgore all’ovale del viso la medicina estetica offre una rosa di trattamenti minimamente invasivi. Vediamo quali sono i migliori.

Filler di acido ialuronico: per rassodare i contorni del viso, il dermatologo o il medico estetico non si avvale della stessa tipologia di filler che in genere utilizza per minimizzare le rughe (come ad esempio quelle della fronte). Per rassodare l’ovale del viso, i professionisti iniettano l’acido ialuronico tra l’osso e il muscolo, con l’obiettivo di conferire volume. La superficie cutanea interessata è quella tra lo zigomo e l’angolo della mandibola.

Radiofrequenza: grazie al calore, il trattamento a radiofrequenza restituisce tonicità alle fibre cutanee che tendono a cedere. Agisce sulla struttura dell’epidermide, leviga e ridona elasticità e turgore.

Lifting non chirurgico: un’altra tecnica estetica molto efficace e diffuso è l’inserimento sottocutaneo dei fili barbed. Trattasi di fili di trazione che esercitano un effetto lifting e con il passare del tempo si riassorbono autonomamente. Sebbene questo trattamento abbia un costo superiore rispetto al filler di acido ialuronico e alla radiofrequenza, offre risultati ragguardevoli e duraturi.

Biorimodellamento: grazie alla sua tecnologia brevettata, questa tipologia di filler offre una durata superiore rispetto al classico filler di acido ialuronico. La sua azione è prolungata e garantisce una ridefinizione ottimale delle lassità cutanee. Il biorimodellamento dona nuova vitalità ai contorni del viso, i quali appaiono immediatamente più turgidi e ricompattati.

 

(Fonte immagine: Unsplash)
CONDIVIDI