Cos’è il wellness escapism e perché farlo in Trentino Alto Adige

wellness escapism

Quando si parla di ‘wellness escapism’ si fa riferimento a un modo diverso di pensare la vacanza, sempre più diffuso e apprezzato. Al centro viene messa una voglia incontenibile di fuga dal caos cittadino e dalla realtà: addio frenetica vita di tutti i giorni, benvenuto relax. Quest’ultimo viene ricercato più che altro nelle sofisticate spa di montagna, nei trattamenti olistici e nelle lezioni di yoga ad alta quota. Sì, perché quando arriva il momento di progettare le vacanze estive sempre più spesso si va in cerca del refrigerio delicato che soltanto le vette più belle sanno offrire. Vacanza di benessere vuol dire anche alimentazione sana ed equilibrata, nel nome delle tipicità locali che sempre sanno raccontare a meraviglia il territorio di riferimento. Il fenomeno del wellness escapism non è troppo recente, anche se è innegabile che abbia preso piede negli ultimi tempi. Il motivo è presto detto: il livello di stress quotidiano non fa che alzarsi in continuazione, dunque occorre porvi rimedio. In che modo? Prenotare una Spa in Trentino Alto Adige rappresenta spesso la via maestra per traguardare questo obiettivo, sia in compagnia degli amici o del partner che in famiglia. 

Immergersi nei trattamenti di benessere e nella natura

In poche ore si possono raggiungere località alternative alle affollate spiagge e al caos delle file per entrare nei musei tipiche delle città d’arte nella bella stagione. Strutture con attrezzature all’avanguardia e personale qualificato attendono l’arrivo dei turisti che vanno a caccia di quiete. Il soggiorno wellness in Alto Adige offre inoltre l’occasione unica di andare alla scoperta di sé (oppure alla riscoperta), facendo in modo di recuperare una dimensione equilibrata. Si tratta insomma di ricaricare le pile, immergendosi non soltanto nei trattamenti di bellezza e benessere delle spa ma anche nel verde rigoglioso che si riflette negli specchi d’acqua assieme alle cime senza tempo. Le escursioni sono di ogni tipo: largo dunque al trekking e agli sport acquatici ma anche alle lunghe passeggiate rigeneranti e a quelle in mountain bike. Tra le attività più interessanti che è possibile programmare ci sono le escursioni alle Tre Cime di Lavaredo, il Giro del Sass de Putia, il Giro del Sassolungo e del Sassopiatto ma anche una visita al lago di Braies e a quello di Resia, con tappa all’iconico borgo di Curon Venosta.

Cosa vuol dire SPA e l’origine del termine

In molti si chiedono cosa vuol dire la parola SPA: la mente corre subito al relax e all’immersione nel benessere che le attività legate a simili centri – stazioni termali o comunque aziende che operano per il benessere e la cura del corpo – sanno offrire sia al corpo che alla mente. Per quanto riguarda nello specifico il termine SPA, si tratta dell’acronimo di Salus Per Aquam o Sanare Per Aquam: entrambe espressioni latine. Spesso la parola SPA viene associata anche alla cittadina belga omonima, che fin dal Trecento era nota per le sue acque minerali. Presto divenne il termine legato al termalismo per antonomasia in varie lingue.

CONDIVIDI