Diabete bambini e alimentazione: cosa c’è da sapere

diabete-alimentazione-bambini

Il diabete bambini e alimentazione sono una correlazione molto importante. Ma quali sono i consigli degli esperti e come valutare al meglio la situazione? Ecco tutto quello che bisogna sapere.

ll diabete nei bambini

L’argomento è molto delicato e importante. Se già l’alimentazione nei bambini è uno fattori fondamentali per il loro sviluppo e il loro benessere, il diabete può comportare dei problemi in fase di crescita.

È sottinteso che ai primi sintomi o comunque quando una patologia del genere viene diagnosticata e confermata in un bambino da parte di un professionista del settore, la tipologia di alimentazione verrà decisa in sede di diagnosi. In linea generale proprio l’alimentazione e i cibi che si scelgono hanno una importanza maggiore in caso di patologie di questo livello.

In età piediatrica il diabete è una delle patologie che si riscontrano maggiormente. Si tratta di una malattia cronica che insorge per un picco della glicemia ovvero per gli alti livelli di glucosio nel sangue. È una condizione allarmante e particolare: in questo caso si riscontra il malfunzionamento dell’ormone prodotto dal pancreas – insulina – che permette al glucosio di entrare e lavorare nelle cellule. Una fonte energetica naturale con un meccanismo preciso che se si inceppa – come in questo caso – si manifesta un accumulo di glucosio nel sangue come anticipato.

Ci sono differenti tipologie di diabete:

  • Tipo 1 – Mellito che è la tipologia più diffusa ed è maggiormente sviluppata in età pediatrica. È una malattia autoimmune che emerge nel momento in cui gli anticorpi distruggono le cellule chiamate a produrre insulina.
  • Tipo 2 è diffusa e non è autoimmune . In questo caso si ha una produzione di insulina da parte del pancreas ma le cellule non sono in grado di utilizzarla.

Sintomi diabete bambini

I bambini possono avere il diabete e la percentuale è molto più alta di quello che si pensa. I sintomi generici che si possono riscontrare sono molti tra cui urine abbondanti e una sensazione continua di sete.

È un sintomo che viene determinato nel caso in cui avvenga un accumulo di glucosio nell’organismo del bambino – ma anche di un adulto – che cerca di eliminare tutto quello che sente in eccesso. La sensazione di sete, come accennato, viene data dal fatto che l’organismo cerca di diliure il glucosio in eccesso ma la sensazione aumenta così il bisogno di urinare.

Una attenzione maggiore a tutti i bambini che non trattengono l’urina durante la notte, in alcuni casi infatti potrebbe essere un sintomo da associare alla patologia.

Alimentazione bambini con diabete

Come accennato, nel momento in cui un bambino ha il diabete è bene che sia seguito dal proprio medico professionista che saprà anche indicare quale sia l’alimentazione più adatta alle sue esigenze.

È importante sapere che l‘alimentazione bambino diabete non è molto differente da quella di un bambino sano perchè l’obiettivo principale è la sua crescita, sviluppo con un apporto di ingredienti sani e nutrienti.

La parte principale e importante è la somministrazione dell’insulina prima dei pasti, con un fabbisogno quotidiano di fattori che verranno determinati con un professionista. Il bambino con diabete seguirà comunque una dieta equilibrata, uno stile di vita sano preferibilmente con sport che possano aiutare al suo sviluppo.

Le regole generiche possono essere le seguenti:

  •  Non devono mancare le calorie per il corretto peso durante crescita e sviluppo
  • L’alimentazione deve essere corretta e di qualità
  • Gli orari precisi sono fondamentali per stabilire una regolarizzazione dei valori glicemici nelle 24 ore
  • L’alimentazione si sceglie proprio per prevenire ogni tipo di complicanza della patologia
  • Si possono consumare carboidrati ma è imperativo limitare gli zuccheri semplici
  • Limitare il consumo di grassi soprattutto saturi
  • Aumentare il consumo di fibre
  • Aumentare il consumo di proteine
  • Non saltare mai la colazione
  • I pasti devono prevedere l’apporto di tutti quanti i nutrienti
  • Tenere sotto controllo l’indice glicemico.

(Fonte Immagine: Pixabay)

CONDIVIDI