Jet Lag: significato e come si supera

jet lag

Jet Lag o conosciuto anche come “mal di fuso” o disritmia o disincronosi circadiana, è una condizione clinica che si verifica quando si attraversano vari fusi orari, specie se si viaggia a lungo in aereo.

Il fenomeno del Jet Lag si verifica a causa dell’alterazione dei normali ritmi circadiani e cagiona nel soggetto sonnolenza, stanchezza, confusione e, a volte, cefalee.

Jet Lag: significato e sintomatologia

jet lag sintomatologiaJet Lag o “mal di fuso” è un disturbo che riguarda tutti i pazienti che, per lavoro o per viaggi di piacere, utilizzano il trasporto aereo intercontinentale, attraversando vari fusi orari.

La letteratura scientifica è concorde con il fatto che la maggior parte dei pazienti affetti da Jet Lag lamentino i seguenti sintomi clinici:

  • marcata astenia accompagnata
  • eccessiva lentezza dei movimenti
  • forte emicrania
  • difficoltà motorie
  • difficoltà di espressione e di ragionamento logico
  • assopimento patologico ed incontrollato
  • contrazioni a carico della muscolatura scheletrica
  • difficoltà all’accomodamento dell’apparato oculare.

Dal quadro dei sintomi ogni paziente affetto da disturbo di Jet Lag vive una condizione di mancato benessere psicofisico da carenza di sonno e da un’alterazione dell’orologio biologico, con uno sfasamento dei cicli circadiani e delle fasi del sonno.

Come superare il Jet Lag?

Durante il volo in aereo si può prevenire ed ovviare all’insorgenza del disturbo del Jet Lag: ecco le soluzioni per superare il “mal di fuso”.

  • Con l’alimentazione: consumare pasti leggeri, favorire i cibi “solidi” a scapito di quelli liquidi, ridurre al minimo il consumo di thè, caffè ed alcolici, prediligere i carboidrati e gli zuccheri che agevolano il sonno.
  • Riposare durante il viaggio e cominciare ad adattarsi al nuovo fuso non appena si sale a bordo dell’aereo, rilassarsi ed utilizzare un comodo cuscino per combattere la cervicalgia.
  • Adattare l’esposizione alla luce solare: essa può aiutare a ripristinare i ritmi circadiani, in quanto incide sui cicli biologici dell’organismo. È importante esporsi alla luce solare del tardo pomeriggio se si affrontano i viaggi per l’Ovest; esporsi alla luce solare del mattino per i viaggi per l’Oriente.
  • Trattamento farmacologico: prescrizione medica di zolpidem, eszopiclone e triazolam.
  • Assunzione di melatonina come valido rimedio che facilita l’adattamento al nuovo fuso orario, aiutando il corpo ad abituarsi al nuovo ritmo buio-luce.
  • Trattamento con erbe officinali come la Valeriana, la Passiflora e la camomilla che possono essere utili per “distendere i nervi”.

Fonte immagine: blog.philipstein.com; npr.org

PANORAMICA RECENSIONE
Jet Lag: significato e come si supera
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO