Lattoferrina: cos’è ed a cosa serve

lattoferrina-cosa-e-cosa-serve

Che cos’è la lattofferina? Se ne parla tantissimo ed è ottimale per proteggere nonché rafforzare il sistema immunitario. Scopriamo insieme come funziona, quali sono i suoi benefici e se ci sono delle controindicazioni.

Che cos’è la lattoferrina?

La lattoferrina è una proteina che appartiene al gruppo delle glicoproteine. Il suo compito primario è quello di trasportare il ferro nel sangue ed è importante anche per il suo potere antimicrobico. Gli scenziati Sorensen e Sorensen l’hanno isolata nel latte vaccino e attualmente la si trova come integratore per svolgere una azione immunomodulatrice e antiossidante.

È bene evidenziare che questo composto non è presente solamente all’interno del latte ma anche delle secrezioni come saliva – lacrime e comunque tutte le cellule che fanno parte della modulazione di risposta immunitaria del nostro organismo.

Come funziona la lattoferrina

La mission principale della lattoferrina è quella di trasportare il ferro al sangue, ma per fare questo è in grado di sottrarlo al metabolismo appartentente ai microorganismi. Cosa significa? Che causa loro la morte eliminandoli completamente dal sangue. È un meccanismo molto importante, tanto che i professionisti del settore lo chiamano “di azione”.

Questo processo fa in modo che la proteina sia efficace e che diventi anche un anti micotico e anti fungino. Per andare nel dettaglio, la lattoferrina contrasta la Escheriachia Coli – agente patogeno che colonizza le mucose della parete intestinale. Tra le sue azioni anche quella contro ogni tipo di batterio, come i Gram negativi che emergono a seguito di una lesione superficiale delle membrane.

La lattoferrina è anche antivirale, con un legame diretto con i glicosamminoglicani facendo da scudo a tutti i virus e bloccando il più possibile i processi infettivi.

Benefici lattoferrina

Ma quali sono i benefici e proprietà della lattoferrina? Come accennato è fondamentale per legare il ferro e fare da scudo a funghi, virus e batteri. Non solo, infatti è essenziale per l’azione antibatterica diretta danneggiando gli strati della membrana di alcune specie batteriche negative.

In moltissimi casi viene utilizzata per il trattamento diretto delle ulcere intestinali, in casi di diarrea sino all’epatite C.

Tra i suoi ruole ne svolge uno di fondamentale importanza legato al rafforzamento in generale del sistema immunitario, soprattutto in caso di malattie infettive o autoimmuni. Indispensabile nei bambini perché fonte di ferro e perchè ne facilita certamente il suo assorbimento.

Utilizzo della lattoferrina

Solo nel momento in cui la lattoferrina viene indicata e consigliata dal medico di fiducia, lo stesso potrà prescrivere il migliore integratore di lattoferrina da accompagnare alle terapie antibiotiche. Tutte le sue proprietà antimicotiche – antibatteriche – antinfiammatorie e immunomoldulatorie sono indispensabili per il ripristino del sistema immunitario ed ecologia intestinale.

La lattoferrina come integratore nutre la crescita di tutti i ceppi batterici buoni dell’intestino favorendo anche la guarigione da diarrea e debolezza post antibiotico.

La lattoferrina ha controindicazioni?

La lattoferrina deve sempre essere consigliata e sottoscritta dal proprio medico curante dopo una attenta diagnosi. Un suo utilizzo errato causa diarrea, costipazione e dolore addominale: tutti gli integratori di lattoferrina non sono soggetti a ricetta medica ma è comunque bene chiedere prima di assumerli.

In ogni caso è sconsigliato l’utilizzo in caso di allattamento e gravidanza.

(Fonte Immagine: pixabay.com/it/photos/persone-gruppo-amici-urto-del-pugno-2569234/)

CONDIVIDI