Melissa: proprietà e benefici della pianta dall’aroma di limone

La melissa, scientificamente Melissa Officinalis, è una pianta erbacea perenna della famiglia delle Labiateae. Un autentico toccasana naturale, avendo in sé delle proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie. Contiene al suo interno anche degli oli essenziali, che la rendono un ottimo viatico per la cura di molti disturbi.

In questo spazio approfondiremo tutti gli aspetti peculiari legati a questa pianta, le sue proprietà ed i suoi benefici per la salute. Non resta altro che scoprirla meglio e nel profondo.

Melissa: proprietà e benefici

Le foglie di melissa, che sono ricche di olio essenziale, sono da tempo impiegate per far fronte agli stati di ansia con somatizzazioni a carico del sistema gastroenterico. La melissa ha anche una azione antispasmodica, antinfiammatoria e carminativa, particolarmente indicata in caso di dolori mestruali, nevralgie, problemi di digestione, nausea, flatulenza addominali e colite.

Si può usare questa pianta anche per trattare il mal di testa, qualora questo fosse causato da tensione nervosa: è l’olio essenziale della pianta che agisce come calmante sul sistema nervoso e muscolare, provocandone il rilassamento. La melissa dunque è fondamentale qualora sussista un quadro d’irritabilità generale, come l’insonnia, il nervosismo, la sindrome premestruale, la tachicardia su base funzionale. L’estratto di foglie fresche di melissa va a vantaggio dell’attività antivirale, grazie alla presenza di acidi polifenolici e polisaccardi.

Dalla melissa è possibile utilizzare degli infusi che sono particolarmente indicati in caso di problemi di conciliazione del sonno, ragion per cui questi prodotti vanno assunti prima di andare a dormire, per dare un senso di relax a tutto l’organismo. Dalla pianta si ricavano anche delle gocce, sempre molto indicate prima di coricarsi. La tisana alla melissa è un must per chi soffre di infiammazioni, particolarmente al colon, e per disintossicare in generale l’organismo. Tuttavia questa pianta nasconde anche delle controindicazioni, con le quali è meglio fare i conti prima che dopo, per evitare spiacevoli incidenti di percorso. Sempre possibili, tra l’altro.

Controindicazioni della melissa

Noti sono gli effetti collaterali e le controindicazioni della melissa. Se assunta in grandi quantità, si verifica quasi sempre l’effetto opposto al risultato desiderato. Invece che agire da calmante, la melissa va a procurare stati di ansia e agitazione. Sconsigliata, infine, l’uso della melissa per chi soffre di tiroide.

Fonte immagine: Wikipedia

CONDIVIDI