Melograno: benefici per il corpo e il sistema immunitario

melograno

Un fiore bellissimo, una pianta simbolica, un frutto buono e salutare. Il melograno, o melagrana, è un prodotto tipicamente autunnale e matura a cominciare dal mese di ottobre. Il suo nome deriva dal latino ed è composto di malum, ovvero mela, e granatum, con semi. All’interno di questo frutto infatti ci sono tantissimi chicchi, all’inizio di colore bianco, poi rosso quando diventano maturi.

Originario dell’Asia, questo frutto è arrivato nel corso dei secoli anche in Europa e in Italia. Nell’arte è simbolo della fede cristiana e del cuore di Cristo che aprendosi disperde i suoi semi proprio come il melograno.

Vediamo però di capire perché questo frutto è un vero toccasana per la nostra salute.

Proprietà del melograno

melograno proprietà

Iniziamo col dirvi che il melograno è un frutto assolutamente poco calorico: 65 calorie per ogni 100 grammi di prodotto, un vero alleato in qualsiasi dieta dimagrante insomma.

Il melograno è noto soprattutto per essere un antiossidante e una grande fonte di flavonoidi, che aiutano il nostro corpo a mantenersi in salute e ad allontanare l’invecchiamento. Nei chicchi troviamo però soprattutto vitamine (specie quelle A, E, C e quelle del gruppo B), e Sali minerali (come manganese, zinco, rame, potassio e fosforo). Utile per depurare l’organismo e favorire la diuresi, è anche benefico per il sistema immunitario, mantenendo sotto controllo i livelli di colesterolo e abbassando la pressione sanguigna.

Recenti ricerche hanno dimostrato come il melograno sia anche utile per proteggere i reni e per rinforzare il nostro sistema immunitario.

Altre proprietà benefiche del melograno solo:

  • Rigenera le cellule. Grazie al suo alto contenuto di acidi grassi essenziali aiuta nella creazione e nella riparazione di nuove cellule.
  • Previene le malattie cardiache. Grazie all’acido ellaico, il principale antiossidante presente nel suo succo, che non si trova in nessun altro prodotto e abbassa sensibilmente il colesterolo cattivo.
  • Riduce i rischi di cancro al seno. Questo per merito degli ellagitannini, polifenoli bioattivi che agiscono attraverso l’inibizione dell’aromatasi.
  • Rende forti le ossa. Attraverso un apporto costante di calcio, combattendo l’osteoporosi.
  • Aiuta a mantenere giovane la pelle. Attraverso l’apporto di vitamina C, parte integrante nella formazione del collagene. Un trattamento viso al melograno è proprio quello che serve per ringiovanire il nostro volto.
  • Protegge dagli UV. La presenza di antiossidanti, tra cui il gallico e l’ellagico, fanno del melograno un alleato delle pelle contro il danno dei raggi ultravioletti.

Un vero concentrato di salute! Ma come possiamo assumerlo?

Utilizzi del melograno

Il modo più semplice di mangiare melograno è quello, ovviamente, di sbucciarlo, ovvero di sgranare i chicchi, e mangiarli. I più ghiotti potranno spremerci sopra un po’ di limone e metterli in una ciotola da mangiare con il cucchiaino, magari in macedonia insieme ad altra frutta di stagione.

Ma il melograno è un ottimo condimento anche in piatti salati come le insalate di cereali o di cavolo, oppure nel cous cous di farro.

Grande successo sta avendo, nei bar, la spremuta di melograno. Diffidate però da chi spreme il frutto senza separare prima i chicchi dalla parte bianca: il succo così facendo ne uscirà più amaro. Noi vi consigliamo di agire con pazienza e metodo, sgranare due o tre melograni, inserire i chicchi in un sfrangi-patate e farne uscire il succo. Ricordatevi di berlo in giornata: essendo un prodotto 100% naturale e senza conservanti può deperire facilmente.

Fonte immagini: nonsprecare.it; siciliaagrumi.it

CONDIVIDI