Vene varicose: cosa sono e quali rimedi?

Vene varicose

Le vene varicose, comunemente note come varici, sono una condizione patologica cronica caratterizzata dalla dilatazione permanente di alcune vene. Si tratta di un’insufficienza venosa tipica degli arti inferiori (gambe, polpacci, caviglie e piedi). Oltre ad essere un disturbo circolatorio, le vene varicose sono un problema di natura estetica. Si presentano come vene abnormi di colore viola scuro o blu.

Vene varicose: la sintomatologia

Coloro che soffrono di vene varicose sono soliti presentare una sequenza di 6 sintomi caratteristici:

• Comparsa di dilatazioni venose abnormi e tortuose
• Prurito, formicolio e intorpidimento alle gambe e ai polpacci
• Stanchezza e spossatezza agli arti inferiori
• Aumento della temperatura corporea localizzato proprio nell’area delle gambe e dei polpacci
• Edema alle caviglie
• Crampi e fitte alle gambe.

Vene varicose: le cause

Gran parte dei sintomi delle vene varicose possono essere correlati alle seguenti cause:

  • Predisposizione genetica
  • Cattivo stile di vita
  • Assunzione di farmaci contraccettivi (pillola anticoncezionale)
  • Squilibri ormonali temporanei (gravidanza)
  • Una prolungata stazione eretta
  • Obesità
  • Sedentarietà e inattività fisica

Vene varicose: terapia e rimedi

Il trattamento delle vene varicose può richiedere approcci differenti a seconda della causa che le ha scatenante. Ciononostante gli approcci terapeutici più efficaci sono quelli relativi alla correzione del proprio stile di vita. Tra quelli che si sono rivelati più efficaci annoveriamo:

  • Terapia farmacologica a base di sostanze flebotoniche in grado di aumentare il tono dei capillari; sostanze antiedemigene (che sgonfiano l’edema), sostanze profibrinolitiche (che ostacolano la formazione di trombi) e farmaci antinfiammatori.
  • Applicazione di creme vaso protettive e antinfiammatorie
  • Metodi termoablativi con fibra laser
  • Metodi termoablativi con catetere a radiofrequenza
  • Metodi di chiusura delle vene dilatate mediante ablazione con cianoacrilato.

Per alleviare la sintomatologia delle vene varicose, invece, i medici consigliano di prendere opportune precauzioni e seguire scrupolosamente i seguenti suggerimenti:

  • Evitare di stare troppo in piedi, per non aumentare la pressione sulle vene
  • Dormire con gli arti inferiori leggermente sollevati per aiutare la circolazione sanguigna, favorire il flusso dei liquidi e il ritorno del sangue verso il busto e la testa
  • Ridurre il fumo e il consumo di caffè: causano vasocostrizione, vasodilatazione e favoriscono un aumento dell’afflusso ematico
  • Fare attività fisica blanda ogni giorno, come una camminata di circa 30-60 minuti
  • Indossare calze elasto compressive, che servono a stimolare la spinta verso l’alto del sangue
  • Indossare calzature comode a pianta larga e prive di qualsiasi tipo di rialzo dal suolo, che possono pregiudicare la salute delle vene varicose
  • Applicare creme topiche vaso protettive a base di sostanze naturali quali l’ippocastano, il mirtillo, la centella asiatica o l’aloe vera
  • Se in sovrappeso, controllare il peso corporeo e perdere i chili in eccesso per non appesantire le gambe.

Qualora i sintomi delle vene varicose dovessero persistere o aggravarsi, è bene consultare il proprio medico curante, al fine di effettuare una diagnosi mirata (tecnica diagnostica  ecocolordoppler) e stabilire il tipo di trattamento terapeutico e farmacologico con il quale procedere.

 

Potrebbe interessarti anche: Insufficienza venosa arti inferiori: i sintomi, le cause e i rimedi

Potrebbe interessarti anche: Gambe pesanti in estate: come risolvere il problema?

 

(Fonte immagine: Pixabay)
CONDIVIDI