Si può usare il basilico come ansiolitico, digestivo e contro il diabete?

Pianta aromatica conosciutissima, il basilico è alla base dell’alimentazione nel Vecchio Continente ed è protagonista indiscusso della cucina italiana. Un piccolo arbusto di casa Lamiacee, caratterizzato da un fusto sottile e non più di 50 cm di altezza, con foglie aromatiche e verdi. In cucina è un must ma anche altrove: il basilico, insomma, ha dalla sua una serie di sorprese che rendono indispensabile, per il benessere psicofisico, anche una singola e minima foglia. Scopriamolo meglio!

Il basilico e le sue proprietà nutrizionali

Guai a sottovalutare anche la minima foglia di basilico, stavamo dicendo. Queste infatti sono ricche di numerosi minerali, presenti in grande quantità. A cominciare dal ferro: il minerale, fondamentale contro l’anemia e la scarsa ossigenazione dei tessuti, è spesso carente nell’alimentazione, soprattutto vegetariano-vegana. Nel basilico è presente in grosse dosi. Alla pari del calcio: 100 grammi di basilico contengono almeno il 25% del fabbisogno medio di calcio. Il basilico così diventa un toccasana per ossa, denti ed unghie.

C’è poi il potassio, che il basilico contiene come tutte le erbe aromatiche. Il basilico torna utile nel caso di ipertensione o di squilibrio idro-salino, così da evitare il sale e aumentare l’uso dell’erba aromatica. Per non parlare poi delle Vitamine. Quelle del gruppo C in particolar modo sono presenti in grandi quantità ma non mancano quelle del gruppo B, in cui c’è da segnalare la cospicua presenza di riboflavina e folati. In particolare la prima è fondamentale nel metabolismo ed rintracciabile solo nel lievito di birra, in funghi e pochissimi cereali.

Un digestivo ed un ansiolitico

Passiamo ora in rassegna alcuni degli usi del nostro basilico. Fin dai tempi più remoti, dell’erba aromatica sono note le proprietà digestive. Viene infatti spesso usato per calmare dolori intestinali, soprattutto in casi come quelli relativi all’aerofagia e come rimedio digestivo a seguito di pasti molto importanti. Da qui la necessità di mettere in commercio vere e proprie tisane a base di basilico. Queste ultime sono particolarmente apprezzate dal sesso femminile come rimedi naturali contro la cellulite.

Ancora il basilico può essere usato come autentico ansiolitico naturale, al posto di tanti farmaci di cui spesso si fa uso e abuso. La pianta, secondo alcuni studi, è stata prescritta come ansiolitico da alcuni medici in quanto dall’estratto idroalcolico e dall’olio essenziale pare siano emersi dei miglioramenti degli stati di ansia. I risultati, come prevedibile, sono stati migliori e più salutari rispetto ai più comuni farmaci.

Altri studi eleggono il basilico come rimedio naturale autentico

Secondo altri studi il basilico avrebbe proprietà ipoglicemizzanti: questi studi sono stati condotti sui topi e sull’uomo dovranno essere sperimentati ma il risultato è stato lo stesso. Ovverosia la riduzione di glicemia a digiuno ed un aumento generale della tolleranza glucidica. Il risultato probabilmente è collegabile al fatto che il basilico sia uno stimolante per la produzione di glicogeno. Automaticamente la pianta risulta essere alleata della lotta al diabete.

CONDIVIDI