Tarassaco: che cos’è e i suoi benefici

tarassaco

Il tarassaco, comunemente chiamato dente di leone, è un pianta della famiglia delle asteracee dalle note proprietà depurative ed antinfiammatorie, così come la curcuma. L’erba officinale, estratta dalla radice di tarassaco, è particolarmente utile a livello epatico. In effetti, di esso, a livello terapeutico, si utilizza unicamente la radice. L’estratto officinale stimola l’attività renale ed epatica, aiutando ad eliminare le tossine in eccesso a livello epatico. Il tarassaco contiene alcoli triterpenici, sterili, vitamine e principi amari che sono molto utili per il nostro organismo. In particolare, questi ultimi facilitano la digestione e posseggono proprietà purificanti, antinfiammatorie e disintossicanti a livello epatico. Si può certamente dire che il tarassaco sia una pianta epatoprotettiva.

I benefici del tarassaco

Molti sono i benefici del tarassaco. Di questa pianta si utilizzano sia la radice, sia le foglie. Molto nota per le sue proprietà diuretiche e depurative, un vero e proprio toccasana contro i problemi del fegato e della colecisti, in caso di litasi biliare, itterizia, dispepsie con flatulenza, di stipsi, oltre che in caso di eccesso di colesterolo nel sangue, reumatismi cronici, acidi urici elevati, cistiti, diabete, edemi, ritenzioni di liquidi.

Molto efficace come antiscorbutico e vitaminizzante è il succo fresco della radice di tarassaco che possiamo trovare facilmente in erboristeria o preparare a casa nostra una centrifuga. La dose consigliata giornaliera è di 2-3 cucchiai. Per chi soffre di idropisia si consiglia di mescolarlo al succo fresco di crescione (1 cucchiaio al mattino a digiuno e 1 la sera).

Le foglie fresche di tarassaco vengono, spesso, utilizzate nelle cure depurative e come diuretico. Mentre le foglie cotte sono molto efficaci in caso di stitichezza cronica. Questa pianta è in grado anche di svolgere un’azione lassativa secondaria, ma non solo. Viene comunemente chiamato “piscialetto” perché è molto nota la sua proprietà diuretica, in grado di aiutarci ad eliminare i liquidi in eccesso nell’organismo. Sono i flavonidi a stimolare la diuresi. Per ottenere un infuso diuretico e depurativo, lasciare in infusione 8-15gr di foglie fresche tritate di tarassaco in un litro di acqua per circa 15-20 minuti. Una volta trascorso il tempo di infusione filtrare il tutto e assumere l’infuso caldo nell’arco della giornata (3-4 tazzine).

Contro i disturbi del fegato, costipazioni intestinali e depurazioni del sangue fate bollire 75gr di radice di tarassaco, 25gr di radice di gramigna, 25gr di radice di bardana, 10 gr di radice di salsapariglia, 10 gr di radice di liquirizia in un litro e mezzo di acqua per un ora tenendo coperto. Una volta trascorso il tempo necessario, filtrate il decotto e bevetene 4-5 tazze nell’arco della giornata.

Il tarassaco è molto utile contro la ritenzione idrica. Macerare a freddo per 8 ore un cucchiaio di radice di tarassaco in un bicchiere di acqua fredda. Filtrare e assumerne due bicchieri al giorno, lontano dai pasti. Molto efficace anche un decotto: bollire per 5 minuti 50-100gr di radice e foglie di tarassaco in un litro di acqua. Berne 2-3 tazzine al giorno.

Il suo utilizzo aumenta anche le difese immunitarie. Il tarassaco è un ottimo rimedio contro acne ed eczemi. Potete fare degli impacchi con il decotto della radice per 2 volte al giorno. Gli impacchi di tarassaco sono molto efficaci anche come rimedio naturale contro l’orzaiolo.

Per quanto riguarda l’uso esterno del tarassaco, esso viene impiegato anche per attenuare le efelidi e le macchie della pelle. Vi consigliamo di lasciar bollire 50gr di fiori e foglie di tarassaco in un litro di acqua per 15 minuti circa. Una volta raffreddato, filtrare e procedere con gli impacchi sulla pelle.

Ma l’assunzione del tarassaco è controindicata in certi soggetti? Tra le tarassaco controindicazioni troviamo una certa cautela nel suo uso se si soffre di patologie gastriche. In caso di gastrite se ne sconsiglia l’assunzione così come in caso di calcolosi biliare. Sono state descritte alcune interazioni con certi tipi di diuretici e con i FANS più comuni. Per tutti gli altri, il tarassaco è un “amaro” toccasana per fegato e reni!

Stimolando la diuresi, il tarassaco è utile anche in caso di dieta. Se si vuole perdere peso e liquidi in eccessi, assumere tarassaco almeno due volte al giorno può essere un coadiuvante alla normale dieta. E’ molto noto anche il miele di tarassaco proprio per le sue miracolose proprietà depurative.

Quanti di voi hanno provato i benefici del tarassaco?

Fonte immagine: youtube.com

PANORAMICA RECENSIONE
Tarassaco: che cos'è e i suoi benefici
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO