Tutti i tipi di barba: corta o lunga, ad ogni viso la sua

Oggi la barba ha sempre più importanza nel look di un uomo. E rappresenta, probabilmente, un tocco di fascino in più. Alla sua cura sono dedicati tempo e pazienza, la sua crescita e la sua foltezza sono priorità per molti.

Tuttavia, molto spesso, esistono diverse tipologie di barba in base al viso di una persona: come a dire che a ciascuno spetta il suo. Inapplicabile, infatti, uno stile univoco su ogni viso. Qui di seguito approfondiremo i diversi stili di barba per più visi, offrendo i nostri consigli per un look affascinante e sempre di tendenza.

Barba per viso tondo

Per un viso perlopiù rotondo, esistono diversi stili di barba. Non vi è necessità, in questo caso, di portarla lunga. Il consiglio migliore è di dotarsi di una barba che segua la linea degli zigomi, dando così la forma allungata al volto. Nel caso vi piaccia la barba folta, in questo caso potete lasciare la lunghezza maggiore sul mento, per migliorare l’effetto finale.

Dunque, potrete optare per un classico baffetto staccato e con maggior pronunciamento sulla parte del mento. Oppure optare per una barba quanto più corta, sottile e ben definita. Altra valida ipotesi è tagliarsi i baffi, in maniera fluttuante, e staccare le basette. Infine è una ottima soluzione anche la barba con baffi ben delineata che risalta la linea del mento.

L’effetto ottenuto è simile a quello della foto in basso.

Barba per viso ovale

Il grande vantaggio di avere un viso ovale è quello di poter modellare sulla propria faccia quasi tutti i numerosi stili di barba. Ragion per cui qui si può optare sia per una barba folta, con o senza baffi, sia per una barba ben rasata.

Nel caso in cui si scelga l’opzione coi baffi, potete delinearli nella classica forma del tricheco, a completa copertura del labbro superiore. O ancora a ferro di cavallo, in modo tale che i baffi risultino allungati fino ai bordi del mento. Come dicevamo però le soluzioni sono molteplici: potete radervi dalle basette, sfoltendo sulle guance e scegliendo di rendere la barba più marcata tra bocca e mento, o portarla molto corta o, tra le altre ipotesi, ancora più corta. Si tratta, in questo caso, della cosiddetta “barba da tre giorni”.

Barba per pelati

Chi deve far meno i conti col viso, e prendere in considerazione più l’aspetto riguardante i capelli, è l’uomo calvo. Qui, però, con la fantasia ci si può sbizzarrire. Il cosiddetto uomo pelato ha dalla sua molteplici soluzioni per diversi stili di barba.

Così la si può portare molto corta, curandosi di definirla in maniera molto precisa. Si può scegliere la soluzione hipster, con la barba che va ad infoltirsi tra labbro e mento, ed ancora optare, da un lato, sui baffi e dall’altro sul pizzetto.

Nel primo caso i baffi possono essere modellati a proprio piacimento: alla Dalì, quindi molto sottili e leggermente arrotolati, o in maniera classica, col solito baffettino o, infine, in maniera più netta e quindi più lunghi e folti. Per il pizzetto anche qui di soluzioni ve ne sono a centinaia: in questo caso si può decidere di rasare tutto e lasciarsi, con la lunghezza a proprio piacimento, il mento più folto, con o senza baffi.

Fonte immagine: contropelo; ecocose

CONDIVIDI