Yerba Mate: proprietà e benefici di un diuretico naturale

L’erba mate, altrimenti detta Yerba Mate o semplicemente Mate è una bevanda originaria del Sudamerica.  Consumata perlopiù tra Brasile, Argentina, Paraguay, e sempre più nota in Europa grazie all’esportazione dei nativi sudamericani che giungono nel Vecchio Continente per lavoro o per piacere.

Si tratta di un tè prodigioso, un diuretico naturale i cui effetti benefici si riflettono in tutto l’organismo. Qui di seguito il nostro approfondimento.

Yerba Mate, le proprietà specifiche della pianta

Perché il tè Mate è sempre più consumato? Anzitutto perché ha al suo interno una grande azione stimolante e antiossidante. Composto di caffeina in grandi quantità, si rileva essere un ottimo diuretico naturale nonché un indubbio energizzante, preso anche in sostituzione del caffè. Si può dire infatti che questo tè, per i sudamericani, è un po’il sostituto della più classica, ed amata, delle bevande.

La pianta del mate, che cresce spontaneamente in alcuni luoghi dell’America Latina, o è un albero o è un arbusto. Presenta foglie alterne, spesso ovali, con margine dentato. Le foglie nascondono piccoli fiori da cui si sviluppano frutti di un colore viola, spesso tendente al nerastro. Le foglie contengono, al loro interno, caffeina e teobromina, acidi organici e flavonoidi. Queste, inoltre, contengono al loro interno altre 250 sostanze che contribuiscono a dare il classico infuso all’aroma.

Benefici del Mate

L’infuso che si ottiene dalle foglie dell’erba mate è un toccasana assoluto, che può essere sorseggiato anche nell’arco di una giornata. Per la preparazione del Mate il sistema classico prevede l’inserimento dell’erba in un recipiente a forma di zucca, coperto poi da acqua molto calda. La bevanda si sorseggia con la bombilla, una cannuccia metallica.

Da secoli il mate è una bevanda utilizzata anche come medicinale, nonché come alimento e come integratore alimentare. Le proprietà benefiche sono ormai sempre più note: l’erba ha influssi benefici sul sistema cardiovascolare, sul fegato e sul colesterolo. La sua azione antiossidante è favorita dalla presenza di flavonoidi.

Altri studi, invece, hanno testimoniato l’azione stimolante prodotta dalla caffeina, che è la principale “responsabile” delle proprietà diuretiche del tè mate: questa è coinvolta nell’omeostasi dell’acqua e del sodio nel nostro organismo, andando ad agire sui reni. Più in generale il Mate stimola l’intero organismo, accelerando i ritmi del metabolismo. Fornisce, inoltre, grandi apporti vitaminici. Molti si chiedono se faccia dimagrire, la risposta è nì: il mate non fa dimagrire, ma può essere una delle cause del dimagrimento proprio perché fa accelerare l’organismo.

Tuttavia, come ogni sostanza a base di caffeina, il mate va consumato con cognizione ed evitato in particolari situazioni, siano essi casi di ipertensione, ansia, nervosismo, insonnia. Anche durante gravidanza ed allattamento è bene evitarne l’utilizzo.

Fonte immagine: Il Fatto Alimentare

CONDIVIDI