Fibra Alimentare e salute intestinale: guida completa per digestione lenta

Fibra Alimentare e salute intestinale: guida completa per digestione lenta

Con il termine fibra alimentare si è soliti indicare quell’insieme di sostanze organiche indigeribili, i cosiddetti polisaccaridi vegetali, che grazie ai loro enzimi digestivi aiutano a regolarizzare la peristalsi intestinale, mantenere la salute del colon e dell’organismo nel suo complesso. La fibra alimentare è costituita principalmente da cereali (integrali e non), leguminose, frutta e ortaggi: tutti quei vegetali che dovrebbero essere sempre presenti in uno regime alimentare sano ed equilibrato, come la dieta mediterranea. Grazie alla sua struttura e complessità molecolare, la fibra alimentare non è facilmente digeribile dal nostro apparato gastrointestinale, pertanto giunge nell’ultimo tratto dell’apparato digerente stimolando la motilità del colon e contrastando eventuali disturbi intestinali quali la stipsi. Se vi state chiedendo quali sono le azioni benefiche della fibra alimentare sulla nostra salute intestinale, questa guida online vi spiegherà tutti i buoni motivi per i quali è una buona idea introdurla nella vostra dieta.

Fibra Alimentare e salute intestinale: qual è la funzione delle fibre?

La fibra alimentare si contraddistingue per un vasto numero di proprietà terapeutiche:

  • Azione stimolante: favorisce la motilità del colon (peristalsi intestinale), accelera il transito delle feci e risolve la costipazione, evitando l’assunzione di farmaci lassativi
  • Azione saziante: agisce direttamente sull’ipotalamo e aiuta a regolarizzare gli ormoni responsabili del senso della sazietà
  • Azione ipoglicemizzante: ritarda l’assorbimento del glucosio, migliora il controllo della glicemia e inibisce la digestione dei carboidrati, riducendo la glicemia post-prandiale.
  • Azione ipocolesterolemizzante: abbassa i livelli di colesterolo alto, contrastandone l’assorbimento e favorendone l’espulsione a livello intestinale;
  • Azione cardioprotettiva: le caratteristiche nutritive della fibra alimentare aiutano a prevenire i depositi di lipidi nelle vene e nelle arterie, le mantengono pulite contrastando l’insorgenza di patologie cardiache.
  • Azione immunostimolante: grazie all’elevata concentrazione di vitamine e antiossidanti, le fibre alimentari stimolano le attività dei globuli bianchi e inibiscono l’azione nociva dei radicali liberi.

Fibra Alimentare e salute intestinale: quali alimenti contengono le fibre?

Gli alimenti maggiormente ricchi di fibra alimentare sono i vegetali: ortaggi, leguminose (ceci, fagioli, fave, lenticchie, piselli), frutta di stagione (meglio se consumata con la sua buccia edibile), i cereali e loro derivati (pane e pasta).

Affinché un regime dietetico sia equilibrato e dotato di tutte le fibre alimentari necessarie, sia solubili che insolubili, è opportuno bilanciare le loro fonti:

  • Fonte fibra solubile: frutta, leguminose, avena, orzo, patate, carote;
  • Fonte fibra insolubile: cereali integrali, crusca, ortaggi a foglia verde, frutta secca, semi di lino.

La stragrande maggioranza dei vegetali è ricca di fibre solubili e insolubili, sia se consumata cruda o cotta, con o senza buccia.

Fibra Alimentare e salute intestinale: qual è il fabbisogno giornaliero?

Secondo le linee guida italiane per una sana e corretta alimentazione, il fabbisogno giornaliero di fibra alimentare per gli adulti è stato stabilito a 25 grammi al giorno. In età evolutiva invece corrisponde a 8,4 grammi. L’apporto di fibra alimentare deve essere sempre associata un’adeguata assunzione di acqua minerale naturale.

Quando non si ha la possibilità di consumare le fibre attraverso l’alimentazione, è possibile valutare l’assunzione di eventuali supplementi alimentari a base di fibre come ad esempio gli integratore a base di frutto-oligosaccaridi al kiwi o alla prugna. L’assunzione deve avvenire sotto stretto controllo di un professionista e mai di propria iniziativa. Prima di acquistare un integratore di fibre, consultatevi con il vostro medico curante: lui saprà indicarvi il prodotto più adatto a voi.

Fibra Alimentare e salute intestinale: effetti indesiderati e controindicazioni

È lecito interrogarsi sui possibili effetti indesiderati e collaterali di un consumo eccessivo di fibra alimentare. Se consumati in maniera spropositata, infatti, i vegetali possono scatenare disturbi gastrointestinali transitori quali dolori addominali, meteorismo e diarrea.

 

Potrebbe interessarvi anche: Mal di pancia e diarrea: consigli per stare meglio

 

(Fonte immagine: Pixabay)
CONDIVIDI