Kefir: dalle steppe asiatiche all’Occidente, un alleato della salute

Il Kefir è una bevanda che si ottiene dalla fermentazione del latte, originaria delle steppe dell’Asia. Ha un sapore simile allo yogurt, acido, effervescente, a volte leggermente alcolico. Ma possiede tante proprietà nutritive e benefiche che qui di seguito illustreremo più approfonditamente.

Ottenuto dal latte vaccino, di pecora o capra, fermentato per azione di microrganismi presenti in granuli, questi sono costituiti da un polisaccaride chiamato kefiran, in cui si disperdono colonie di batteri e lieviti responsabili dei processi fermentativi. Non resta altro che scoprire più nel dettaglio questo autentico alleato della salute.

Kefir, cenni storici

Le origini del kefir si perdono nella notte dei tempi. Questa sostanza è originaria delle terre del Caucaso. Secondo alcuni la parola kefir è originaria del turco keyif, che significa “sentirsi bene”, per altri invece deriva sempre dal turco köpür, letteralmente “schiuma”. Pensate che una primissima menzione del prodotto si ha in un libro storico come il Milione di Marco Polo, in cui si parla per l’appunto di una bevanda semi-alcolica ricavata dal latte e consumata dalle tribù della steppa.

Consumato per secoli nelle sue zone di origine, il kefir è arrivato in Occidente grazie agli studi dell’immunologo, e Premio Nobel 1908 per la Medicina, Il’ja Il’ič Mečnikov, il quale condusse studi sulla fagocitosi, individuando proprio nel kefir uno dei motivi alla base della longevità delle popolazioni caucasiche.

Le proprietà nutritive

Il kefir apporta una grande dose di Kcal, carboidrati e proteine di elevato valore biologico. Tra le vitamine dominano quelle del gruppo A e B, tra cui l’importante vitamina B12. Elevato il contenuto di calcio, così come quello di potassio e fosforo. Le proprietà nutritive però dipendono in larga parte dal tipo di latte utilizzato per la produzione.

Il kefir si può preparare, in verità, a partire da materie prime differenti, anche dall’acqua zuccherata per fare un esempio, in cui si può lasciare frutta secca in infusione, foglie di menta, erbe aromatiche e spezie. In casi come questo, l’apporto nutriente è nettamente diverso.

Il kefir alleato della salute

I grani di kefir, funzionali alla produzione della bevanda, sono composti da microrganismi immobilizzati su una matrice costituita da polisaccaridi e proteine. Batteri e lieviti coesistono così in simbiosi, interagendo e influenzandosi a vicenda, producendo sostanze biologicamente attive ed essenziali per la crescita stessa dei grani.

Va da sé che il kefir abbia dalla sua grandi proprietà a vantaggio della salute. Studi testimoniano come questo derivato del latte sia in realtà un ottimo antimicrobico, oltre che antinfiammatorio e positivo anche per il trattamento, e la prevenzione, di particolari forme di cancro. Per le sue proprietà il kefir è ottimo anche per l’intero sistema immunitario, stimolato nel rispondere in maniera positiva a cellule anomale come quelle tumorali.

Fonte immagine: Vivere in Benessere

CONDIVIDI