Preservativi: tutte le informazioni utili da sapere

Quando si parla di sesso, quasi sempre si finisce a parlare di preservativi. Si tratta, dati Istat alla mano, del mezzo contraccettivo più utilizzato e apprezzato per almeno il 42% delle persone, mentre trovano meno apprezzamento altri metodi come la pillola o il coito interrotto.

Per le donne è il mezzo più sicuro con cui fare l’amore senza troppi patemi. Per cui qui in questo spazio ci dedicheremo a qualche informazione utile sui classici profilattici, ricordando alle donne che dei preservativi esistono anche per loro.

Perché il preservativo può non piacere?

Nonostante il preservativo, come dicevamo, resta il contraccettivo più utilizzato dagli uomini, molti prima di usarlo hanno delle resistenze. Dovute, principalmente, al fatto che l’uso del profilattico riduca le dimensioni del glande. Molti uomini sostengono che il preservativo vada a ridurre drasticamente il piacere mentre altri riscontrano, nel suo uso, una diminuzione dell’erezione. Psicologicamente questa cosa si spiega in questo modo: i più giovani, complice una educazione sessuale sempre più accurata, lo utilizzano con maggior accortezza. I più “anziani”, invece, preferiscono il sesso al naturale.

Le resistenze delle donne

Psicologicamente anche le donne possono avere delle difficoltà nell’accettare il preservativo. In realtà si tratta di un contraccettivo che va a mettere in sicurezza prima la salute della donna e di riflesso quella dell’uomo. Per molte, come confermano studi recenti, chiedere di indossare il preservativo viene visto come una mancanza di fiducia. Per altre, invece, il problema sta più nel fatto che ricorrendo al profilattico si rischia di turbare il feeling col partner e la pratica dei preliminari.

I preservativi migliorano le performance?

Veniamo qui ad uno dei luoghi comuni più in voga sui preservativi. Molti li usano con convinzione perché spinti dal fatto che i preservativi possano aiutare a migliorare la propria prestazione sessuale. Niente di più falso, in realtà. I preservativi non migliorano affatto le prestazioni sessuali.

Tuttavia sono degli ottimi deterrenti per quanti soffrono di eiaculazione precoce. Molte persone ricorrono infatti a dei preservativi molto più spessi, i cosiddetti “ritardanti”, che al loro interno contengono delle sostanze anestetiche che per l’appunto ritardano l’eiaculazione, dando una maggiore durata al rapporto sessuale.

Per il sesso anale

Come è noto i preservativi diventano fondamentali per chi decide di praticare del sesso anale. In questo caso esistono dei profilattici specifici, indicati in Italia dalla dicitura “forte” sulla confezione. Sono quelli necessari per il sesso anale, che richiede profilattici molto più duri e resistenti.

CONDIVIDI